VOXCONS
Condividi su   Facebook Twitter Instagram rss

Regole per investire senza rischiare

I guadagni alti sono sempre rischiosi, bisogna avere la consapevolezza che ad essi si associa sempre la possibilità di perdere gran parte o anche tutto il capitale. Verificare la solidità di chi emette i titoli, tenere costantemente sotto controllo l'andamento dei propri investimenti e soprattutto diversificare. Queste sono alcune delle principali indicazioni per il risparmiatore consapevole definite dalla Fondazione per l'Educazione Finanziaria e al Risparmio FEDUF assieme alle associazioni dei consumatori. Si tratta di un pro memoria sempre utile per coloro che non sono degli investitori professionisti.

Le regole base per il cittadino l’investitore

- CONOSCERE LE TIPOLOGIE DI INVESTIMENTO. Le azioni sono strumenti finanziari con cui partecipiamo al capitale sociale di un'azienda. Le obbligazioni sono strumenti con i quali diventiamo creditori del soggetto (Stato, impresa o banca) che ha emesso il titolo per un periodo di tempo definito da un contratto. I fondi comuni raccolgono il risparmio di più investitori per investirlo in molteplici strumenti finanziari.

 - STABILIRE IL VALORE DI UN TITOLO. Occorre tenere in considerazione il suo prezzo rispetto all'inflazione, il suo andamento e la sua liquidità, ovvero la sua capacità di essere scambiato con facilità sul mercato.

 - DECIDERE L'ORIZZONTE TEMPORALE DEL PROPRIO INVESTIMENTO. Se ad esempio l'investimento temporale è ridotto, è meglio fare investimenti a basso rischio, perché avremo meno tempo per risanare le perdite con altre scelte di investimento. Se invece i tempi sono più ampi, possiamo investire una parte del nostro denaro con un grado di rischio più alto. In ogni caso non bisogna mai trattare le Borse come dei casinò.

 - CONTROLLARE GLI INVESTIMENTI. Anche se abbiamo fiducia nella nostra banca bisogna informarsi costantemente dei nostri investimenti, anche confrontandosi con altri operatori, e agire immediatamente in caso di necessità. 
- VERIFICARE SEMPRE LA SOLIDITA' DELL'EMITTENTE: un'obbligazione di un'azienda storica, ad esempio, non è per forza sicura. Bisogna farsi consigliare da più fonti, paragonando diverse le informazioni.

 - RICEVERE INFORMAZIONI NECESSARIE DA PARTE DELLA BANCA. Quando ci sottopone una tipologia di investimento, la banca è tenuta a comunicare in maniera chiara e comprensibile: la tipologia dello strumento, il soggetto che lo ha emesso, il mercato di quotazione e di negoziazione, gli eventuali conflitti di interesse potenziali, la classe di rischio assegnata dalla banca allo strumento finanziario. 
- VALUTARE RISCHI E GUADAGNI. Più alto è il rischio, più alto è il guadagno possibile, ma possibile non vuol dire certo, né tanto meno probabile. Non esistono dunque guadagni facili a rischio zero.

 - MEGLIO FRAZIONARE GLI INVESTIMENTI. Più diversifichiamo le tipologie di investimenti effettuati, fra titoli più e meno rischiosi, più il rischio di perdita del proprio capitale diminuisce.

Edo Billa